Benvenuti · lunedì 16 luglio 2018

Laser terapia FP3 System

Che cos’è FP3 System?

È la novità della fisioterapia che permette di affrontare con successo e rapidità casi clinici nell’ ambito delle patologie ortopediche considerati di pertinenza chirurgica.

Il laser FP3 è l’ultima evoluzione tecnologica in tema di laser terapia ed è caratterizzato da 3 diverse sorgenti laser attive in modo sinergico. Ognuna di esse ha caratteristiche diverse per quanto riguarda profondità di penetrazione, biostimolazione, effetto antalgico e termico.

Rispetto alla laser terapia ad alta energia si può affermare che sono tre le novità rivoluzionarie:

  • Tecnologica: l’uso contemporaneo e ottimizzato di tre sorgenti laser con lunghezze d’onda e ripartizione delle potenze dei singoli fasci laser in base ai protocolli, unica sul mercato.
  • Metodologica: le “finestre” per trasferire l’energia di biostimolazione sostanzialmente diverse da quelle normalmente suggerite dalle varie pubblicazioni e la innovativa tecnica delle microsedute ripetute.
  • Posologica: energia complessiva di biostimolazione con densità di potenza completamente diverse in assenza del fastidioso e pericoloso surriscaldamento superficiale, facilità nell’eseguire i protocolli previsti non più operatore dipendenti.

FP3 system introduce per la prima volta una rivoluzione nel campo della terapia fisica laser: l’attenzione rivolta all’assorbimento effettivo sul paziente. Fino ad ora infatti tutte le metodiche laser si sono occupate della sorgente (a monte) piuttosto che dell’assorbimento effettivo del paziente.

FP3 system propone una nuova metodica nel contesto delle terapie
fisiche e si distingue per:

  • riduzione significativa dei tempi di recupero; inteso come riduzione del dolore, recupero funzionale, cicatrizzazione di lesioni muscolo-tendineo-legamentose, risoluzione dei processi infiammatori, riduzione e riassorbimento di edemi ed ematomi quasi immediati.
  • possibilità di risolvere quei casi clinici normalmente classificati come “chirurgici” o “border line” tra tutti le discopatie, le lesioni parziali del menisco, alcune instabilità di spalla dolorosa, ecc.
  • possibilità di trattare nella fase acuta e iper, quando il calore accumulato rappresenta una controindicazione assoluta.

Gli effetti sono a volte stupefacenti per il paziente, che sente immediatamente una netta riduzione del dolore a cui si associa un aumento della capacità motoria e funzionale.

C&P Adver Web